Categorie
MakeUp

Layering: come rendere il makeup impeccabile sfruttando la tecnica della sovrapposizione

La tecnica del layering o sovrapposizione detta un modello utile per applicare il makeup in modo corretto e funzionale: ecco come attuarla!

Correttore prima o dopo il fondotinta? Blush prima delle sopracciglia? L’ordine in cui dovresti applicare il trucco (layering) è un argomento controverso, in gran parte dovuto alle diverse opinioni su quali prodotti dovrebbero essere applicati per primi sul viso per ottenere un makeup impeccabile.

Sembra complicato, ma in realtà una volta capita la sequenza esatta per truccarsi tutte potranno sentirsi perfette. 

La regola generale: dopo aver eseguito la tua routine skincare abituale, (anche qui esiste un ordine preciso per applicare tutti i prodotti previsti) occorre considerare la texture, così come la durata di quanto applicato successivamente, senza temere di modificare leggermente tale tecnica, affinché sulla pelle presenti una resa ottimale.

In questo articolo illustreremo passo passo cos’è il layering e come eseguire al meglio la tecnica della sovrapposizione.

Cos’è il layering

Fino a qualche anno fa, eravamo tutti pazzi per il contouring, la tecnica di applicazione del make up strategico per valorizzare al meglio il viso e minimizzare i difetti, attraverso giochi di luci ed ombre. Un procedimento effettivamente eccezionale per scolpire i lineamenti, ma un pochino articolato e dal risultato tutt’altro che naturale.

Oggi a dominare i trend, appare senza dubbio il layering, tecnica importata dagli Stati Uniti che assicura un viso più fresco e luminoso, e di sicuro all’apparenza meno artefatto. 

Alla base del layering c’è l’applicazione del trucco “a strati”, partendo dai prodotti che preparano il viso a ricevere il make up (sieri, creme e primer) per poi procedere con i cosmetici decorativi veri e propri.

Occorre tuttavia tenere presente che, nella tecnica della sovrapposizione, ciò che è più importante è applicare i prodotti nel giusto ordine, partendo da quelli cremosi per poi passare alle polveri, considerando al contempo che spesso “less is more”, ovvero che, come per ogni cosa, non bisogna mai esagerare!

Cosa significa layering

Letteralmente, la parola dall’inglese “layering” significa “stratificazione“. Da ciò si può facilmente dedurre che si tratta di una tecnica che prevede l’utilizzo di diversi prodotti applicati in successione e a strati, seguendo un ordine ben preciso.

Non bisogna cadere però nell’errore di pensare che tutto vada applicato nella medesima quantità. Anzi, proprio perché andremo ad utilizzare più prodotti, dosarli nella corretta quantità e solo dove serve, renderà il risultato finale a prova di passerella!

Come effettuare il layering

Come effettuare il layering senza rischiare un “autentico disastro”? Ecco i passaggi giusti da seguire, step by step. Può sembrare complesso, ma una volta memorizzati e assimilati, mettere in atto la tecnica risulterà un gioco da ragazze!

L’utilizzo di un primer e/o un correttore è facoltativo: tuttavia se si sceglie di applicare uno (o entrambi),occorre farlo subito dopo l’utilizzo della crema da giorno. Questo consente di levigare e uniformare la carnagione, migliorando la tenuta del cosmetico.

  • Fondotinta

Il fondotinta funge da base su cui costruire il makeup. Utilizzare una formula che migliori il nostro tipo di pelle e il tono cutaneo, aiuterà ad applicare correttamente anche i prodotti successivi. Chi ha la fortuna di avere una pelle uniforme, può evitare del tutto il fondotinta e tamponare invece solo un pò di correttore solo nelle aree eventualmente problematiche.

  • Correttore

Il correttore deve essere sempre utilizzato, solo dopo aver applicato il fondotinta, questo per evitare sovraddosare il prodotto e per evitare che la pelle appaia poco omogenea. Il correttore (meglio se in crema modulabile) deve essere applicato solo sui punti che necessitano di maggiore copertura (sotto gli occhi, sulle macchie, ecc.), per poi sfumarlo con un pennello.

Per dare un tocco luminoso e naturale all’incarnato, è possibile aggiungere un caratteristico colore dall’effetto bonne mine” sulle guance mediante il blush, ravvivando la zona degli zigomi con l’illuminante e completando lo sculpting mediante un bronzer adeguato al sottotono.

Da applicare esattamente in quest’ordine, per evitare che le ciglia truccate possano intralciare l’applicazione dell’ombretto e dell’eyeliner, perdendo intensità e volume.

  • Sopracciglia

L’intensità delle sopracciglia completa il resto del makeup: occorre quindi modellare e riempire le arcate sopracciliari mediante l’uso di un prodotto specifico quale matita, cera o gel sopracciglia.

  • Labbra

Poiché è molto probabile che vada riapplicato durante l’arco della giornata, anche solo per un ritocco, il rossetto rappresenta il passaggio finale nella routine makeup.

  • Spray o polvere fissante

E’ possibile utilizzarne uno, entrambi o nessuno dei due, ma questi due prodotti sono concepiti proprio per incrementare la durata del trucco, restituendo un aspetto curato anche a fine giornata: è sufficiente una rapida vaporizzata prima di uscire di casa. 

Tecnica del layering o sovrapposizione
Tecnica del layering o sovrapposizione – Fonte: IStock