Categorie
Benessere

Fiori di Bach: come funzionano, quali sono i più comuni e a cosa servono

I fiori di Bach rappresentano un rimedio naturale a svariate problematiche legate ad uno stato di malessere psicologico ed emotivo: ecco di che si tratta e come utilizzarli.

I fiori di Bach rappresentano una valida quanto efficace soluzione per alleviare un dolore psichico ed emotivo. Il rimedio fitoterapico sfrutta il potenziale delle piante: ecco come!

Cosa sono i Fiori di Bach

Un prezioso rimedio dalla natura

I fiori di Bach rappresentano un rimedio fitoterapico volto alla cura e al trattamento di una vasta gamma di disturbi emozionali, utili soprattutto per coloro che soffrono di pharmacofobia (la paura di curarsi con la medicina tradizionale).

Tali rimedi naturali appaiono efficaci soprattutto per portare progressivamente a risoluzione eventuali resistenze e blocchi legati alla sfera psichica ed emotiva quali ad esempio gli attacchi di panico, insonnia e ansia.

Il medico Edward Bach, dal quale la terapia prende il nome, ha delineato una serie di linee guida utili per massimizzarne gli effetti benefici.

Il procedimento mediante il quale i fiori di Bach possono essere ricavati, è piuttosto complesso e inizia con la raccolta dei fiori che deve essere eseguita rispettando determinate condizioni di luce e tassativamente nelle prime ore del giorno.

I fiori vengono successivamente bolliti in acqua della sorgente per 20 o 30 minuti, o in alternativa viene effettuata l’infusione esponendo il preparato ai raggi solari.

Terminata l’infusione, l’acqua viene separata dai fiori e integrata con una quantità di grappa equivalente al fine di conservare il prodotto. Edward Bach a tale scopo utilizzava il brandy.

Dato che i fiori di Bach possono trattare diverse problematiche, anche la loro somministrazione e preparazione deve seguire regole differenti: tale differenziazione è data esclusivamente dagli ingredienti e non dalla funzionalità per la quale la miscela viene creata.

 A cosa servono i Fiori di Bach

Il primo obiettivo dei fiori di Bach è quello di fornire una nuova prospettiva circa il problema, rappresentando in tal modo un aiuto tangibile per superare l’ostacolo.

Finalità di ogni preparato non è curare il soggetto, bensì permettergli  di trovare una via d’uscita superando più facilmente l'ostacolo, senza utilizzare scappatoie.

Ecco perché è sicuramente utile comprendere quando effettivamente è necessario assumere i fiori di Bach, magari a supporto di terapie di auto-guarigione o con l’aiuto di professionisti del settore.
Le paure, le insicurezze e le preoccupazioni assumono, grazie alla terapia, un’altra importanza e prospettiva.

Ad oggi esistono 38 tipologie diverse di fiori di Bach: avvicinarsi alla disciplina e iniziare ad approfondire l’argomento, rappresenta il primo passo verso la guarigione, poiché implica un’ obbligatoria autoanalisi per riconoscere il proprio problema e la necessaria presa di coscienza di volerlo/poterlo risolvere.

Quindi, a cosa servono i fiori di Bach? Sono indicati per fornire aiuto concreto a mente e spirito, costituendo una sorta di “valore aggiunto” per volto a permettere di cambiare prospettiva e risolvere quel fastidio che altrimenti si trasformerebbe in un vero e proprio limite emozionale.

Fiori di Bach cosa sono e come funzionano
Fiori di Bach cosa sono e come funzionano – Fonte: IStock

 Fiori di Bach come funzionano

Il medico ideatore del metodo ne riassume le potenzialità con queste parole:

SpinkUp Quotes

“…come la buona musica o altre cose grandi ed ispirate, i fiori sono in grado di elevare la nostra personalità e di avvicinarci alla nostra anima. Così essi ci donano pace e alleviano in nostri mali”.

I 38 fiori di Bach rappresentano quindi un rimedio vibrazionale: l’assunzione infatti permette allo spirito di riallinearsi sulla giusta frequenza facendo in modo che tale metodologia, agisca efficacemente sul piano sottile dell’Io individuale.

In tutto questo non c’è nulla di magico: il rimedio fitoterapico agisce sulle connessioni elettriche del sistema nervoso, riportando l’equilibrio laddove il meccanismo si è interrotto. 

Quando si prova ansia, il respiro si fa più intenso e corto, si diventa più percettivi e i nervi saltano con un nonnulla: ecco perché i fiori di Bach per ansia intervengono sul sistema nervoso.