Categorie
Moda&Lifestyle

Serendipity Day: cosa significa serendipità e come raggiungerla

La serendipità è l’attitudine ad aprire la mente, traendo il “buono” da ogni evento che costituisce la quotidianità: ecco come raggiungerla e trarne beneficio.

Forse ne hai sentito parlare, nei libri o nei film, forse hai sempre pensato fosse un concetto astratto ma ti sbagli, è in realtà molto vicino a qualsiasi essere umano, basta solo saperla accogliere. Parliamo della serendipità e, se non sai di cosa si tratta ti spieghiamo cos’è e come fare per raggiungerla. 

Serendipity Day: di che si tratta

Sicuramente la cosa che non sai è che alla serendipità è dedicata addirittura una giornata: il 18 agosto ricorre infatti il Serendipity Day, la giornata che ti spinge a cercare il buono intorno a te e la felicità nelle cose inaspettate… non lasciartela scappare, mi raccomando!

In realtà deve essere proprio considerato uno stile di vita, fuori dalla routine, una capacità di guardare oltre che deve essere costantemente allenata, la capacità di essere pronti ad accettare tutte le infinite situazioni che la vita può regalarci durante il nostro viaggio. Proprio questo pensano i creatori di questa giornata.

 La prima volta è stata festeggiata nel 2010, quindi quest’anno sono esattamente 11 anni. Se quel giorno stesso trovi quella felicità inaspettata, condividila sui social con l’hashtag #SerendipityDay e rendi partecipe la comunità che già si è avvicinata a questo concetto. 

Serendipità significato

Il significato di serendipità non è difficile e, come detto prima. è un concetto che è molto concreto. Un incontro, una scoperta, una consapevolezza ci rendono estremamente felici. Un caso che ci porta cose nuove e positive a volte può essere una svolta, può essere tutto.

Non parliamo di un superenalotto o dell’arrivo di una cosa premeditata e studiata a tavolino, ma di quelle piccole cose che se accadono ci cambiano la vita.

Per entrare in questo meccanismo è necessario essere aperti a nuove avventure, accettare le novità e non avere paura dei cambiamenti, non vivere una vita circoscritta e limitata ad una specifica routine. 

Tutte queste cose possono sembrare paroloni detti a caso per amplificare il concetto, ma in realtà no. 

Il primo passo verso la serendipità è la consapevolezza. Essere consapevoli di noi stessi, di cosa vogliamo, di tutto ciò che ci è accaduto finora nella vita e di come l’abbiamo vissuto, ci rende aperti alla felicità e ad accettare cose nuove. Non è difficile, c’è bisogno di allenamento. 

E’ un pò come la meditazione, all’inizio è difficile essere consapevoli del respiro e mandare via i pensieri, ma se cominci man mano riesci nell’obiettivo. Fidati che poi ce la farai!

Serendipità definizione

Serendipità significa esattamente “fortuna strepitosa nel trovare cose di valore senza cercarle”, questo secondo il dizionario Garzanti, invece per Wikipedia è “fare felici scoperte per puro caso”. Il concetto è espresso diversamente ma non cambia molti il significato. 

Per definire al meglio il concetto, è necessario citare l’autore a cui è connessa questa parola. La storia risale alla metà del 1700. La prima volta che l’autore inglese Horace Walpole l’ha utilizzata, nel 1754, dove ha spiegato questo concetto in una lettera ad un amico. 

Per spiegarla ha fatto riferimento ad una fiaba persiana, dal nome I tre principi di Serendip. I protagonisti della storia sono appunto, i tre principi che furono rimossi dal Regno di Serendip. 

Cose particolari accadono, quando viaggiando per il mondo, si rendono conto che si imbattono in vicende che non avevano cercato. Pertanto, Serendipity alludeva a un viaggio e alla scoperta di qualcosa di sorprendente mai vissuto prima e che ti cambia la vita in positivo.

Serendipity di che si tratta
Serendipity di che si tratta – Fonte: IStock