Categorie
Wellness

Pole dance: quando scegliere tale disciplina, benefici e vantaggi

La pole dance coniuga la danza all’allenamento, permettendo di mantenersi in perfetta forma, divertendosi: ecco in cosa consiste e quando scegliere di praticarla.

Hola Spinkers! Si è molto diffusa negli ultimi anni, sia tra i professionisti che tra gli appassionati, desiderosi di dedicarsi ad un’attività fisica diversa dal solito.

La pole dance è una disciplina sportiva che ha saputo conquistare molte di noi, anche per via dei suoi straordinari benefici sul corpo

Ormai sono sempre più numerose le palestre che offrono questa disciplina nel programma di allenamento.

Ma che cos’è la pole dance? Possiamo considerarla una disciplina sportiva efficace? Quali sono i benefici e i vantaggi? Scoprilo nell’articolo!

Sebbene la disciplina moderna venga fatta risalire agli anni ’20 del 900 negli Stati Uniti, la pole dance affonda le radici nella pratica circense cinese.

Nel corso degli anni si è evoluta grazie a varie contaminazioni, tra cui, la ginnastica artistica, il Burlesque degli anni ’50 e la danza del ventre, dando vita a diverse versioni. Le tre principali categorie sono:

  • Pole sport o fitness
  • Pole artistica
  • Pole sexy o exotic

La pole dance può essere considerata a pieno titolo “un’arte atletica” che unisce la tecnica sportiva e l’armonia della danza. Si tratta di in un allenamento artistico-sportivo di elevata intensità, in cui tutto è finalizzato all’esecuzione di figure acrobatiche su una pertica, sulla base di coreografie.

Caratteristiche pole dance: quello che occorre sapere sulla disciplina

La pole dance è uno sport dinamico che unisce l’eleganza della danza e la forza della ginnastica acrobatica. Per riuscire a  scivolare lungo il palo e ruotarvi intorno, si lavora tantissimo l’interno coscia e la muscolatura degli addominali e delle braccia.

Essendo, poi la pole dance, anche una disciplina artistica, per eseguire i movimenti in modo impeccabile è necessario imparare molto bene la tecnica.

Le sessioni di allenamento sono caratterizzate da una prima parte di riscaldamento per affrontare al meglio la parte più tecnica della lezione: che prevede l’apprendimento di pose atletiche o figure, le “trick” in gergo, che seguono una serie di movimenti coreografici.

A fine allenamento si esegue una sessione di stretching e di defaticamento muscolare per sciogliere le tensioni.

Pole dance sport
Pole dance sport – Fonte: IStock

Attrezzatura pole dance: cosa serve?

La pole dance è uno sport acrobatico che richiede una buona attrezzatura tecnica per eseguire i movimenti al meglio.

Il palo è l’attrezzo fondamentale della pole dance: ha un diametro da 45 mm, può essere statico o removibile, solitamente è realizzato in acciaio inossidabile, lucido o cromato oppure anche in ottone, con un rivestimento speciale in verniciatura in polvere e rivestimento in titanio.

Per migliorare l’aderenza al palo esistono anche prodotti specifici come creme e polveri. Meglio acquistarlo insieme al materasso, per attutire il colpo in caso di cadute.

L’ideale sarebbe avere anche degli specchi intorno. Riguardo all’abbigliamento, la regola generale è meno è meglio! Il lavoro su palo infatti, ha bisogno dell’attrito creato dal contatto con la pelle, perciò è necessario lasciare braccia e gambe scoperte per avere una presa ottimale.

Top aderenti, culotte o pantaloncini corti e stretti sono i migliori! Si consiglia anche di fare pole dance a piedi nudi, ovviamente ad un livello più avanzato, i tacchi non guastano, così come l’uso di i tessuti aerei o il cerchio aereo, tutti elementi che valorizzano la coreografia.