Categorie
Wellness

Dieta Ornish: di che si tratta, in cosa consiste, benefici e quando evitarla

La dieta Ornish permette di perdere efficacemente peso, prediligendo alimenti vegetali: ecco di che si tratta, quali ne sono i benefici e quali le possibili controindicazioni.

Ciao Spinkers! Avete mai sentito parlare di dieta Ornish? Si tratta di uno dei programmi dietetici più popolari del momento ed è sostanzialmente basato sull’assunzione di cibi vegetali.

Quali sono i suoi benefici e quando invece bisognerebbe evitarla? Ne parliamo subito!

Dieta Ornish di che si tratta


Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di dieta Ornish o dieta dimagrante Ornish. È ormai impossibile non averla mai sentita nominare, perché come abbiamo anticipato, si tratta di uno dei programmi dietetici più popolari dell’ultimo periodo.

Come sempre, quando si parla di dieta, non lo si può fare in maniera leggera, per questo il nostro intento è quello di fornire una panoramica prettamente informativa sul fenomeno della dieta Ornish e non di addentrarci nei meandri della medicina sostituendoci al parere medico.

L’intento di questo articolo è quello di sviscerare un fenomeno che ormai da qualche anno sta prendendo piede in tutto il mondo e di capire il perché del suo successo.

Per farlo vi consigliamo di informarvi il più possibile soprattutto attraverso libri come l’Ornish Diet Cookbook Comprehensive e il Day Ornish Diet Meal Plan, libri che legano ricette e pillole informative su una dieta a base vegetale che ora andiamo a scoprire nel dettaglio.

Caratteristiche dieta dimagrante Ornish

La dieta Ornish prende il suo nome dal medico Dean Ornish fondatore del Preventive Medicine Research Institute di Sausalito, in California.

E come tutto ciò che viene dalla terra delle star è diventata immediatamente virale e ha conquistato molti consensi e anche qualche critica.

Di base si tratta di un protocollo alimentare basato cibi di origine vegetale poveri di grassi. Tutta cibi che secondo gli studi condotti dal dottor Ornish attiverebbero i geni promotori della salute mentale e che al contempo invertirebbero l’invecchiamento cellulare.

Una dieta anti age dunque che promuove l’assunzione di frutta, verdura, legumi e cereali integrali, senza vietare altri alimenti, ma prediligendo grassi sani almeno per 10% dell’apporto calorico giornaliero totale.

La dieta Ornish funziona davvero?

Essendo una dieta sviluppata da un pool di medici esperti con a capo di fondatore del Preventive Medicine Research Institute di Sausalito, il dottor Dean Ornish, le basi scientifiche su cui si fonda questa dieta sembrerebbero abbastanza solide e anche i risultati di chi l’ha provata possono dirsi soddisfacenti.

Tra i pro della dieta Dean Ornish c’è sicuramente il fatto che è stata ideata ponendo al centro del protocollo alimenti vegetali con pochi grassi senza però rinunciare al resto dei cibi e soprattutto senza essere schiavi del conteggio delle calorie.

Una dieta semplice da seguire, accessibile, poco restrittiva, ricca di sali minerali, vitamine, frutta, verdura e cerali integrali. Ma quali sono i benefici riscontrati da chi l’ha provata?

Benefici dieta Ornish

Sicuramente tra i benefici maggiori c’è il fatto che non si tratta di un protocollo alimentare rigido e statico e soprattutto proibitivo.

La dieta Ornish non vieta strettamente nessun cibo, ma consiglia di prediligerne alcuni in particolare per aumentare la rigenerazione cellulare, invertire l’invecchiamento delle cellule e promuovere una graduale perdita di peso.

Non solo, il senso di sazietà che si ha quando si assumono questi alimenti (in particolare legumi, cereali, frutta e verdura) fa sì che i campanellini del senso di fame si attivino meno celermente e siano soddisfatti grazie all’assunzione di tali cibi.

Cibi che hanno pochi grassi, che hanno un costo basso, alla portata di tutti (soprattutto quando si tratta di frutta e verdura di stagione) e che sono facilmente reperibili e alla base di ricette davvero sfiziose da poter preparare sia per la colazione che per pranzo, cena e spuntini vari.

Dieta Ornish alimenti

Tra gli alimenti cardine della dieta Ornish occupano un posto di primo piano:

  • Pomodori
  • Melanzane
  • Cavoli
  • Zucchine
  • Spinaci
  • Bietola
  • Indivia
  • Funghi
  • Mele
  • More
  • Fragole
  • Banane
  • Albicocche
  • Arance
  • Orzo
  • Quinoa
  • Riso Integrale
  • Miglio
  • Fagioli
  • Lenticchie

E tutta una serie di altri alimenti sempre inerenti frutta, verdura, legumi e cereali, che potete scoprire nel dettaglio nei libri che trattano di questa dieta così celebre.

Oltre a questi alimenti sono consentiti anche altri cibi, purché in maniera limitata e senza eliminare il 10% dell’apporto calorico giornaliero totale derivato da questa lista di alimenti top della dieta.

Piano alimentare dieta ipocalorica Ornish

E se desiderate farvi un’idea di un esempio tipo di piano alimentare dieta ipocalorica Ornish, ecco una panoramica basata su una giornata divisa in 5 pasti principali.

Una giornata tipo basata sulla dieta Ornish può avviarsi con una colazione a base di latte scremato e fette biscotte a cui seguirà uno spuntino con frutta di stagione.

A questo punto passiamo al pranzo e qui possiamo optare per  riso integrale con fagioli neri che ci terrà sazie fino alla merenda, da fare ad esempio con un freschissimo centrifugato di verdure di stagione.

È l’ora della cena! Godiamocela con un ottimo curry con cous cous integrale e insalatina di contorno.

Questa è solo una giornata d’esempio, ma nei libri dedicati a questo protocollo alimentare potrete trovare tantissime alternative con cui poter sperimentare.

Dieta Dean Ornish benefici controindicazioni

Parlando dei benefici, non possiamo no rivelare anche l’altro lato della medaglia. Se infatti i vantaggi di questa dieta sono stati apprezzati da moltissime persone in tutto il mondo, c’è anche chi è scettico a riguardo e questo scetticismo deriva, in particolare, da alcuni punti della dieta.

In particolare nel best seller Dean Ornish: La guarigione attraverso la dieta, l’ideatore di questo metodo si focalizza sui poteri di guarigione che il protocollo avrebbe su alcune malattie.

In particolare secondo il dotto Ornish, seguire questo regime alimentare abbasserebbe i livello di colesterolo, non solo, secondo l’autore esisterebbe anche una correlazione tra dieta ornish e coronarie.

Seguire questo regime significherebbe prevenire le malattie coronariche. Questo punto è contestato da parte della comunità scientifica, la stessa che contesta anche la carenza di macronutrienti a favore dei micronutrienti e la reale sostenibilità di questa tipologia di dieta.

Dieta Ornish libro: ecco quali sono i più completi

Per avere una panoramica completa sull’origine di questo protocollo alimentare e su tutta una serie di ricette a basa di verdura, frutta, legumi e cereali integrali, vi consigliamo di dare un’occhiata ad alcuni dei migliori libri esplicativi sul tema.

A cominciare da THE ORNISH DIET: An Easy Up to Date Ornish Diet Guide : Includes Delicious Recipe,Meal Plan and Cookbook, un libro disponibile purtroppo per ora soltanto in versione inglese, che da una panoramica sia sul piano alimentare che su un programma completo di 7 giorni a base di cibi consigliati dal protocollo.

Da un libro in inglese passiamo a un libro in italiano, si tratta di Dieta Ornish Libro di Cucina 2022. Un nuovissimo testo contenente ben 102 ricette a base vegetale e a basso contenuto di grassi. Un supporto sia per chi segue questo regime alimentare sia per chi è alla ricerca di sfiziose ricette con pochi grassi.

Passiamo ora a The Ornish Diet Cookbook, il libro scritto dalla dottoressa Kathy Cooke che basandosi sugli studi del Dottor Ornish ha scritto un manuale informativo in cui schematizza in maniera chiara le tre categorie di cibi su cui si basa questa dieta: cibi da mangiare sempre, cibi da mangiare qualche volta e cibi da mangiare in nessun caso. Una lettura chiara e comprensibile.

E per chi si avvicina per la prima volto al mondo della dieta Ornish consigliamo ORNISH DIET: The Beginners Approach To Ornish Diet For Weight Loss and Healthy Living in formato kindle. Un libro in cui si parte dagli albori degli studi del Dotto Ornish e si arriva ai risultati odierni e ai benefici di una dieta povera di grassi e a base vegetale.

E concludiamo con The 22-Day Revolution, un vero e proprio besteller consigliato dal New York Times, che vede anche una prefazione speciale, quella della cantante Beyoncè, fan di questa dieta. Un libro scorrevole e informativo, da leggere tutto d’un fiato.

SpinkUp Tips

Dieta Ornish opinioni e considerazioni finali


Come sempre quando parliamo di diete non ce la sentiamo di darvi opinioni personali.

L’attenzione verso l’alimentazione non è mai troppa e rivolgersi al proprio medico di fiducia per attuare un piano alimentare personalizzato è l’unica strada per avere la sicurezza di perdere peso in maniera sana.

Informarsi però sui protocolli più chiacchierati del momento è sempre importante per non farsi trovare impreparati e perché no, per avere qualche idea sfiziosa da inserire nella nostra lista di ricette con cui sperimentare in cucina.